Pixel Photo Magazine speciale Portrait

Pixel Photo Magazine speciale Portrait

Il ritorno delle vacanze con Pixel Photo Magazine Speciale Portrait.

Come sempre la rivista può essere sfogliata online nella sezione dedicata “magazine” ma anche sulla piattaforma CALAMEO. Se invece vuoi sostenere questa iniziativa, con un piccolo contributo  puoi scaricare anche la copia digitale per visionarla offline.

[wp_express_checkout product_id=”1348″] Buy a digital copy

 

SPECIALE PORTRAIT

 

La copertina di questo mese con la foto di Roberto Rampinelli è un omaggio al grande Gino Strada .

“I diritti degli uomini devono essere di tutti sennò chiamateli privilegi”.

Come non ricordare un uomo come Gino Strada, simbolo di solidarietà cooperazione internazionale e emergenze umanitarie. Una persona che è stata un tutt’uno con la solidarietà a livello globale, la solidarietà vera quella che non fà distinzione di razze, sesso o religione.

La sofferenza, la fame, le ingiustizie sono uguali in tutto il mondo e ogni essere in qualunque posto viva deve avere gli stessi diritti a prescindere dal luogo o comunità in cui vive. L’amico Roberto Rampinelli che ha avuto modo di conoscerlo cosi descrive la foto:

“ Gli occhi non mentono e se davvero sono lo specchio dell’anima questa foto coglie lo spirito appassionato, generoso, altruista di un uomo che ha sofferto e lottato contro gli orrori di tutte le guerre. Addio Gino Strada, che la terra ti sia lieve.
Settembre 2012.”

Venne a Bergamo per un incontro pubblico. Io dovevo fotografare l’evento e dopo vari tentativi, ecco il momento magico. In un istante di silenzio carico di significato, il suo sguardo.

Aveva appena finito di descrivere gli orrori di una delle tante “sue” guerre. Una frazione di secondo per un click con i brividi lungo la schiena per quei racconti drammatici. Non sono un fotografo professionista, ma amo la fotografia già da quando ero bambino.

Il filo conduttore che accomuna i miei scatti è l’umanità delle persone: nel lavoro, nello sport, nell’arte, nella religione, ma anche nei momenti più semplici della vita quotidiana dove uomini e donne diventano “essere umani”.

 

 

 

Comments are closed.